Merker

I merker costituiscono una parte della memoria RAM della CPU. Essa è direttamente accessibile da programma utente e da questo viene utilizzata per memorizzazioni temporanee di dati, o intermedie di risultati di calcoli. La memoria merker di questo PLC è composta da 256 byte (merker byte). Ogni byte di questa memoria è indirizzabile attraverso la sigla MBx, dove x è il numero progressivo di byte. Ad esempio, MB100 identifica il byte 100 della memoria merker. Gli indirizzi possibili vanno quindi da MB0 a MB255.

Ogni bit della stessa memoria è indirizzabile singolarmente con la sigla Mx.y, dove x è ancora il numero di byte e y è il numero del bit all’interno del byte. Quindi sono possibili gli indirizzi da M0.0 a M255.7.

Inoltre, la memoria merker può essere indirizzata a word utilizzando la sigla MWx dove x è il numero di word. La MW0 (merker word numero 0) è composta dai merker byte MB0 e MB1, la MW1 da MB1 e MB2, e così via. Il campo operandi possibile va da MW0 a MW254. Infatti la MW254, che raggruppa MB254 e MB255, è l’ultima merker word disponibile, essendo MB255 l’ultimo byte indirizzabile.

Infine tale memoria è indirizzabile a doppia word: da MD0, che raggruppa MB0, MB1, MB2 e MB3, a MD252, ultima doppia word indirizzabile.

I merker byte da MB0 a MB63 sono ritentivi, cioè conservano il loro valore dopo una mancanza di alimentazione con batteria inserita, e così pure lo sono i merker bit che contengono e le merker word o le doppie merker word che compongono.

I merker byte da MB64 a MB127 sono non ritentivi, perdono quindi il loro valore dopo una mancanza di alimentazione alla CPU, cioè vengono azzerati. Lo stesso dicasi per i merker bit contenuti in essi e le merker word o le doppie merker word da essi composte.


^